In attesa del bando d’esame indetto dall’IVASS

Come ogni anno a breve verrà indetta dall’IVASS la prova di idoneità per l’iscrizione nelle sezioni A o B del Registro degli Intermediari assicurativi, anche a titolo accessorio, e riassicurativi attraverso la pubblicazione del comunicato in Gazzetta Ufficiale, nel Bollettino Ufficiale e nel sito internet dell’Istituto.

 

Per poter partecipare alla prova di idoneità occorre possedere, al momento della presentazione della domanda di ammissione, il titolo di studio di istruzione secondaria superiore che sia di durata quinquennale o quadriennale, integrato dal corso annuale previsto per legge, o di un titolo di studio estero equivalente.

L’esame prevede una prova scritta in quesiti a risposta multipla.

 

ESAME INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA

Per l’attività di intermediazione assicurativa le discipline oggetto di esame sono:

  • diritto delle assicurazioni;
  • regolamentazione emanata dall’IVASS;
  • previdenza complementare;
  • attività di agenzia e di mediazione;
  • tecnica assicurativa;
  • tutela del consumatore;
  • principi di diritto privato e tributario.

 

ESAME INTERMEDIAZIONE RIASSICURATIVA

Per l’attività di intermediazione riassicurativa le discipline oggetto di esame, oltre che sulle materie sopra indicate, sono anche:

  • contratto di riassicurazione e tipologie di riassicurazione;
  • tecnica riassicurativa.

Nel caso in cui ci siano candidati che intendano esercitare l’attività di intermediazione riassicurativa e che siano già iscritti nelle sezioni del Registro o siano idonei all’esercizio dell’attività di intermediazione assicurativa, possono sostenere l’esame solo per le ultime due materie.


Punteggio Minimo 60/100

 

Il punteggio di valutazione dell’esame è espresso in centesimi, pertanto risultano idonei coloro che raggiungono un punteggio non inferiore a sessanta centesimi (60/100).

La commissione esaminatrice della prova di idoneità è nominata dall’IVASS con proprio provvedimento, ed è composta da componenti dell’IVASS come presidente e come esperto, unitamente a docenti universitari delle materie oggetto dell’esame.

Post Correlati