Il Golden Power su banche e assicurazioni nel Decreto Liquidità

Golden Power è un diritto di veto che il Governo italiano si riserva su operazioni di acquisizione di quote azionarie di aziende strategiche per l’economia nazionale.

La pandemia ha avuto conseguenze anche sui “poteri speciali” riservati al Governo nei settori strategici, quali la sicurezza nazionale, l’energia, i trasporti, le comunicazioni e non ultimi i settori ad alta intensità tecnologica e reti di telecomunicazione a banda larga basati su tecnologia 5G.

Infatti in questo periodo di estrema emergenza il pericolo di perdite di valore di molte società italiane, quotate e non, che potrebbero essere soggette a scalate speculative da parte di investitori stranieri, ha spinto il Governo ad intervenire ampliando i poteri di intervento dell’esecutivo.

 

L’intervento governativo sul settore bancario e assicurativo

Gli artt. 15-17 del D.L. 8 aprile 2020, n. 23 rafforzano la disciplina dei poteri speciali nei settori di rilevanza strategica, ampliando l’ambito di intervento oggettivo della disciplina anche ai settori bancario e assicurativo, ora riconosciuti nelle infrastrutture finanziarie previste dal Regolamento UE 2019/452.

Il D.L. n. 23/2020, c.d. decreto Liquidità, all’art. 15 prevede, temporaneamente fino al 31 dicembre 2020, l’ampliamento dell’obbligo di notifica.

In particolare sono tenuti alla notifica:

  • i soggetti UE che assumono il controllo di società operanti nei settori strategici di interesse nazionale;
  • i soggetti esterni alla UE, che acquistano una quota di diritti di voto o partecipazione al capitale, di almeno il 10%, qualora il valore complessivo dell’investimento sia pari o superiore a un milione di euro. Dovranno anche essere notificate le acquisizioni che determinano il superamento delle soglie del 15%, 20%, 25% e 50%. Il superamento di ciascuna di queste soglie comporta l’obbligo di una nuova notifica.

Si applica a banche e assicurazioni con azionariato particolarmente diffuso la soglia ridotta (5%) come onere per la comunicazione ai fini dell’esercizio della vigilanza CONSOB.

 

Il fattore dell’eccezionalità

Va ricordato che l’ampliamento nei settori bancario e assicurativo del Golden Power è transitorio, legato, quindi, all’eccezionalità della situazione.

Occorrerà attendere per verificare se questi settori potranno essere inseriti in modo definitivo negli elenchi di interesse nazionale.

Post Correlati