Scroll Top

Il Metaverso, a che punto siamo. Paradiso o inferno?

Metaverso
ASPETTI DEL METAVERSO

Quando si parla di Metaverso a volte si tende a pensare che il discorso riguardi solo “giochi e dintorni”, ma in realtà c’è molto di più. Non limitiamoci a pensare al gaming e apriamoci a un ambiente nuovo, fatto di realtà virtuali in cui si potranno mettere in contatto milioni di persone.
Il Metaverso è una tecnologia che avrebbe la pretesa di durare a lungo e che comprende aree molto diverse, dal socializing, al working, all’enabling, al gaming.

Le possibilità che si aprono con la realtà virtuale sono pressoché infinite e molto concrete: spaziano nei campi più disparati e potrebbero cambiare la nostra vita e il nostro modo di affrontare le situazioni.
Un esempio fra tutti? Nel campo della medicina, dove il chirurgo già da tempo ha la possibilità di preparare gli interventi in modo virtuale, prima di operare il paziente.

Mark Zuckerberg in un’intervista a The Verge del luglio 2022 si era spinto a dire che il Metaverso potrebbe rappresentare lo sviluppo di Internet stessa, utilizzando l’espressione «embodied internet» .

In pratica il fatto di poter vivere diverse dimensioni in una maniera diretta, personale: avere la sensazione di essere in prima persona un personaggio dell’ambiente virtuale in cui ci si trova.

ANALISI DEI NUMERI

Il Metaverso è una nuova storia da raccontare. Ed è una storia che si può raccontare in modo semplice partendo dai numeri.

  • A marzo dell’anno scorso, da un dato fornito dall’Accademia della Crusca, circa un terzo della popolazione italiana aveva googlato la parola “Metaverso”.
  • Si dice che entro il 2026-2028 circa il 25% della popolazione mondiale investirà almeno un’ora del proprio tempo giornalmente nel Metaverso. Staremo a vedere.
  • Il Metaverso nel 2020 ha fatturato circa 48 miliardi di dollari, ed entro il 2024 il giro di fatturato dovrebbe aggirarsi intorno agli 800 miliardi.
  • Ad oggi si stima che circa il 10-15% delle aziende abbiano iniziato a investire sul Metaverso, e si tratterebbe di un dato in costante crescita. Entro i prossimi vent’anni queste percentuali dovrebbero aumentare a vista d’occhio, e automaticamente si creeranno nuovi strumenti per accedere e nuove occasioni di lavoro.
IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA

É evidente che dal Metaverso possono nascere anche rischi politici e sociali piuttosto rilevanti, e ancora non se ne intravedono le soluzioni.

Come già abbiamo avuto modo di evidenziare in un articolo di Febbraio 2022, e purtroppo da allora non abbiamo visto grossi cambiamenti, rimangono ancora insoluti alcuni  problemi veramente cruciali che non sono stati ancora risolti, fra cui i diritti e la sicurezza dei dati, i rischi di radicalizzazione e disinformazione, il potere poco controllabile delle piattaforme.

La nostra società è influenzata da fattori energetici, dalla sostenibilità ambientale e della situazione geopolitica. Quest’ultima è una variabile anche molto instabile, come abbiamo visto nell’ultimo anno con la guerra in Ucraina. L’equilibrio geopolitico sicuramente sta cambiando e dobbiamo ricordarci che in una situazione di transizione permanente, di grande flessibilità, la regolamentazione di un tema così delicato diventa ancora più difficile.

Nel frattempo il 9 novembre 2022 Meta ha annunciato il licenziamento di 11.000 persone, circa il 13% della forza lavoro totale.

E almeno per loro quello che sulla carta doveva essere un Paradiso è già diventato un Inferno.