Insurtech Investment Index

Insurtech Investment Index
Che cosa è L’Insurtech Investment Index?

L’Insurtech Investment Index ha lo scopo di misurare gli investimenti nelle imprese innovative e nelle tecnologie per capire come si evolve l’Insurtech italiano e verificare se il mercato nazionale si stia allineando o meno a quello delle altre economie avanzate.

L’indicatore italiano è stato ideato da Italian Insurtech Association (IIA), ed elaborato dall’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano, punto di riferimento per l’innovazione digitale nell’ecosistema finanziario e assicurativo italiano. L’indicatore è stato sviluppato con il supporto di Appian.

L’indice misura il grado di innovazione del settore assicurativo italiano e nello specifico:

  • gli investimenti di capitale nelle società del settore InsurTech e nelle startup e PMI innovative del settore assicurativo;
  • gli investimenti nello sviluppo digitale compiuti da compagnie e intermediari professionali;
  • gli investimenti nella collaborazione fra attori della filiera finalizzati a sviluppare soluzioni innovative e ad alto contenuto tecnologico.
I risultati ottenuti

I dati emersi dalla prima analisi, alla quale seguirà una seconda che verrà presentata tra sei mesi, sono stati determinati intervistando un panel selezionato di soggetti.

  • Nel 2020, il 19% delle compagnie assicurative italiane ha investito in startup Insurtech, con un investimento medio per startup pari a 0,4 milioni di euro e nello stesso tempo, il 63% di esse ha avviato almeno un progetto Insurtech interno, con un controvalore medio per progetto di 0,3 milioni di euro e ben il 75% ha avviato almeno una partnership su progettualità Insurtech.

 

  • Per il 2021 le compagnie assicurative punteranno soprattutto sullo sviluppo di progetti Insurtech interni (61% delle compagnie assicurative), ma gli investimenti in startup Insurtech registreranno comunque un moderato aumento. Le aree di business in cui sono pianificati investimenti in tecnologia per l’automazione dei processi nel 2021 sono principalmente la gestione dei sinistri e la vendita (per il 78% delle compagnie in entrambi i casi).

I progetti, tuttavia, hanno ancora un taglio principalmente tattico, guidato dall’attenzione al time to market (per il 55% delle compagnie assicurative), anche se alcuni attori iniziano a guardare con attenzione all’impatto strategico.

L’Indice 

Metodologicamenteal fine di elaborare un singolo indice sintetico, le 3 percentuali che indicano quante compagnie assicurative hanno rispettivamente fatto almeno un investimento in startup, almeno un progetto interno e almeno una partnership, pesate per il market share in termini di premi raccolti nel 2019 rispetto al campione, sono state moltiplicate per 10 e sommate, ottenendo un voto in 30esimi, come per un esame universitario, per cui il “voto” è pari a 18/30.

E’ quindi stata raggiunta una sufficienza risicata, ma i margini di miglioramento sono molto ampi, soprattutto negli investimenti in startup Insurtech.