L’etica degli intermediari assicurativi a tutela dei clienti

intermediari assicurativi
Quali comportamenti sono considerati di valore per un intermediario assicurativo?

Nello svolgimento dell’attività di distribuzione e, in particolare nell’offerta dei contratti e nella gestione del rapporto contrattuale, i distributori dovranno seguire specifiche regole di comportamento.

In particolare sono tenuti a:

  • comportarsi con diligenza, correttezza, trasparenza e professionalità nei confronti dei contraenti e degli assicurati;
  • osservare le disposizioni legislative e regolamentari, anche rispettando le procedure e le istruzioni a tal fine impartite dalle imprese per le quali operano;
  • acquisire le informazioni necessarie a valutare le esigenze assicurative e previdenziali dei contraenti ed operare in modo che questi ultimi siano sempre adeguatamente informati;
  • agire in modo da non recare pregiudizio agli interessi dei contraenti e degli assicurati.
Ma come e a cosa si riferiscono in dettaglio le regole di comportamento richieste dalla normativa di settore?
  • Quando si parla di competenza professionale si fa riferimento alla formazione iniziale, all’aggiornamento e all’impossibilità di operare in mancanza dei requisiti formativi, nonché al prerequisito di diploma quinquennale per essere iscritti al Registro Unico
  • Con i concetti di “correttezza” e “professionalità” si richiama l’importanza di proporre contratti coerenti con le richieste e le esigenze del cliente, il divieto di vendere contratti sui quali si hanno provvigioni più alte se nel parco prodotti esiste un prodotto a migliori condizioni per il cliente e l’obbligo di consegnare la documentazione precontrattuale affinché il cliente sia in grado di comparare i contratti proposti.
Gli intermediari sono quindi tenuti a:
  1. tutelare gli interessi dei clienti;
  2. dare l’informativa precontrattuale seguendo le indicazioni previste per l’informativa stessa;
  3. garantire l’adeguatezza dei contratti offerti e la completezza della documentazione da consegnare ai contraenti con particolare riferimento ai rami danni;
  4. adempiere alle obbligazioni pecuniarie;
  5. valutare l’adeguatezza della polizza dei contratti collettivi;
  6. fornire l’informativa adeguata prima che il contraente sia vincolato da un contratto di assicurazione anche a distanza o per telefono, rendendo possibile l’identificazione dell’intermediario nonché l’accertamento della sua iscrizione al registro qualora la stipula si verifichi via internet.

E TU INTERMEDIARIO ASSICURATIVO…?

…Hai mai pensato a qual è il valore economico dei comportamenti che agisci ogni giorno nel tuo lavoro?

…Hai mai quantificato il vantaggio della fidelizzazione dei tuoi clienti basata su comportamenti che ispirano fiducia?

…Sei sicuro si sapere quali sono i comportamenti corretti allineati ai valori tuoi e della Compagnia che rappresenti nel rispetto delle regole imposte dalla normativa di settore?

GUARDA LE SCHEDE DEI CORSI E-LEARNING IFA VALIDI AI FINI IVASS E CONSOB